Melita Toniolo

Melita Toniolo

Melita Toniolo biografia

Melita Toniolo è nata a San Biagio di Callalta il 5 aprile 1986. La sua carriera inizia come fotomodella; nel 2006 appare su Italia 1 nel programnma Distraction (2006) e in uno spezzone de Le Iene. La popolarità arriva nel 2007 grazie alla partecipazione al Grande Fratello 7. Dopo essere uscita dal reality show posa per diversi calendari, tra cui quello senza veli per il programma di Italia 1 Lucignolo, per cui è stata inviata nel 2007 e nel 2008 col soprannome di Diavolita.

Dopo l’esperienza di Lucignolo ne sono seguite altre, tra cui la partecipazione nel 2008 a La talpa, reality di Canale 5 in cui si è classificata al terzo posto. Nel 2009 ha condotto su Italia 1 Real TV con Raffaella Fico e ha partecipato per due stagioni allo show Colorado Cafè, condotto da Rossella Brescia e Beppe Braida (poi sostituito da Nicola Savino), in veste di valletta.

Nell’estate 2010 Melita Toniolo ha partecipatocomme inviata, insieme alla Fico, al nuovo programma ideato da Studio Aperto intitolato Mitici ’80, condotto da Sabrina Salerno. Nell’autunno del 2010 è entrata a far parte del cast del film comico Una cella per due insieme a Enzo Salvi, Massimo Ceccherini e Maurizio Battista, e nello stesso periodo è stata scritturata per SMS Squadra Molto Speciale, una sitcom prodotta dalla A&B Production di Bruno Frustaci e Alessandro Caprigo, con Enzo Salvi.

Anche se la presenza di Melita Toniolo in tv non è fissa, la bella showgirl è molto richiesta per servizi fotografici e campagne pubblicitarie.

Per quanto riguarda l’amore non ha ancora trovato l’uomo della sua vita.

[]

Livelli di notorietà di Melita Toniolo

3 risposte a Melita Toniolo

  1. ale scrive:

    Lei ha un decolletè che è veramente stupendo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>