In vendita su Social Channel i ciucci Santiago

Belen si scaglia contro Social Channel che ha deciso di mettere in vendita i ciucci con i baffi del bramd santiago. Il progetto in realtà fa parte di un’operazione di beneficienza

ciucci santiago in vendita

Ci risiamo, la querelle tra Belen Rodriguez e Social Channel si è riaperta. Stavolta a fare da pomo della discordia è la scelta della redazione di Social Channel, di mettere in vendita il ciuccio con i baffi del brand Santiago, marchio regolarmente registrato.

A tal proposito Belen, senza fare nomi ma la polemica è chiara scrive:

Credo che sfruttare l’immagine ed il nome di mio figlio o di qualsiasi altro bambino per commercializzare dei prodotti e per trarre dei guadagni sia squallido proprio come queste persone che altro non hanno da fare nella loro vita se non quello di vivere alle spalle degli altri!

Non tarda ad arrivare la risposta di Social Channel che sul sito posta un articolo intitolato BELEN, MA PERCHE’ TI ARRABBI? in cui viene precisato che lo scopo della vendita è quello di raccogliere fondi da devolvere interamente in beneficenza nei confronti di bambini

che nella vita hanno avuto meno fortuna di altri, solo poter donare un sorriso a chi l’inglesina non può neppure averla!

L’articolo prosegue sottolineando come nessuno voglia sfruttare la potenza mediatica di Santiago

una potenza che per altro hai creato tu stessa postando continuamente foto del bambino sui social network

Come negare quest’ultima affermazione? Impossibile. Del resto in più occasioni Belen ha parlato di privacy del figlio pur essendo lei l’unica e la prima a violarla. I figli non sono un “mezzo” per ottenere più Like

Foto: socialchannel.it, Questa voce è stata pubblicata in Notizie di Gossip e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>