Gabriella Corona parla del filgio Fabrizio in carcere

Gabriella Corona sulle pagine di Chi parla di come fabrizio stia vivendo la reclusione nel carcere Opera di Milano. L’ex re dei paparazzi dal buio della sua cella ha scritto un libro autobiografico che presto verrà pubblicato

gabriella corona intervista

Già da qualche mese Fabrizio Corona, ex re dei paparazzi per eccellenza, è costretto alla reclusione nel carcere di Opera di Milano dove dovrà scontare una pena di oltre 11 anni per i reati di estorsione, bancarotta e frode fiscale.

E’ ancora una volta la madre che torna a parlare di lui e lo fa dalle pagine della rivista Chi.
La signora Corona ha raccontato che Fabrizio ha trovato un suo equilibrio in carcere garzie ai buoni rapporti con il compagno di cella e alle attività quotidiane con cui riempie la giornata come leggere, fare palestra e scrivere.

A tal proposito la madre rivela:

ha scritto un libro autobiografico che uscirà a breve, in cui racconta anche quest’ultima esperienza. L’ho letto in parte, e l’ho trovato bellissimo. Fabrizio ne è molto fiero.

Insomma, anche dal buoi di una cella Fabrizio Corona non si dà per vinto e continua a curare i propri interessi lavorativi seguendo a distanza, grazie al tramite della madre, le sue società.
Inevitabile l’argomento su Belen e l’imminente matrimonio con De Martino riguardo al quale la signora Corona molto diplomaticamente ha detto:

Non ne ha mai parlato, ci sono cose ben più importanti

Per quanto riguarda il figlio Carlos, nato dal matrimonio con Nina Moric, la questione è ancora irrisolta non essendo giunti all’accordo definitivo con gli avvocati della modella croata.

Questa voce è stata pubblicata in Notizie di Gossip e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>