Nuovo ricovero per Raul Bova

Raul Bova è stato ricoverato in ospedale a seguito di un malore avvertito durante le riprese del suo nuovo film. Il suo portavoce, marcello Rascelli, rassicura sulle condizioni dell’attore che già in settimana potrà riprendere le riprese del film.

raul bova in ospedale

Non più tardi di due mesi fa, Raul Bova era stato operato d’urgenza di appendicite e da qualche giorno il bell’attore è ricoverato in ospedale per eseguire degli accertamenti in seguito ad un malore avvertito proprio durante le riprese del suo nuovo lavoro Indovina chi viene a Natale.

L’allarme è scattato a causa di un pò di febbre sopraggiunta durante le riprese del film, motivo per cui è stato deciso di sottoporlo a degli esami per escludere che ci fosse qualche legame tra l’intervento chirurgico subito e le sue attuali condizioni.

Dopo varie smentite e conferme, a scioglier il mistero sull’accaduto è proprio il suo portavoce, Marcello Rascelli, che con una nota all’Ansa ha voluto precisare le condizioni di Bova nonchè rassicurare i suoi fans sulle condizioni del loro beniamino:

Raoul Bova la scorsa settimana ha avuto febbre alta per alcuni giorni nel corso delle riprese del film […]e per prudenza, essendo stato sottoposto circa due mesi prima ad un intervento di appendicectomia, si è ritenuto opportuno ricorrere ad accertamenti con un breve ricovero che hanno dato esito negativo. […]Bova non è stato sottoposto ad alcun intervento chirurgico e non sussiste alcuna relazione tra il malore attuale e il precedente intervento che è stato eseguito correttamente

In definitiva niente di preoccupante per Bova che già in settimana sarà nelle condizioni di ricalcare il set del nuovo film di Fausto Brizzi, dove recita accanto ad altri nomi noti tra cui Diego Abatantuono, Claudio Bisio e Claudia Gerini.

Un augurio di pronta guarigione a Raul Bova che da vero sex symbol quale è, saprà non deludere le sue ammiratrici!

Foto: VanityFair.it, Questa voce è stata pubblicata in Notizie di Gossip e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>