Belen Rodriguez mamma,un po’ di mela per Santiago

Belen Rodriguez è sempre impegnata a fare la mamma, ma non perde neanche un’occasione di lavoro. E’ stata infatti scelta come testimonial per la nuova campagna eyewear di Cesare Paciotti.

Belen Rodriguez mamma con Santiago su Instagram

Famiglia e lavoro. Belen Rodriguez è sempre molto attiva, energica, dinamica e flessibile. La bellissima mamma vip del piccolo Santiago riesce molto bene a conciliare la sua attività lavorativa con il ruolo di madre. Poche ore fa ha pubblicato sul suo seguitissimo profilo di social network, Instagram, una foto che la immortala mentre dà un po’ di mela al suo piccolo Buddha!

Alcune fan hanno però criticato la showgirl, stilista e modella argentina perché ha dato la mela al suo primogenito che ha quasi 4 mesi. Apriti cielo! Come era già successo con il latte artificiale quando il figlio di Belen Rodriguez e Stefano De Martino aveva soltanto due mesi e mezzo anche ora questa scelta sta dividendo in due il suo pubblico.

Tra le tante si segnala il commento di una sua fan:

L’ altro giorno mi son presa le parole Xke ho detto che già a 2 mesi e mezzo pendeva l’ artificiale.. Ho detto che era comodo rispetto alla tetta e nn hanno capito Xke.. Comodo x chi nn ha tempo di star dietro ai bimbi allattati a richiesta … Ora a 3 mesi la mela..! X quanto mi riguarda è contro natura tutto questo.. Svezzare così presto .. Ma nn metto bocca sull’ artificiale .. Dico solo che tutta sta fretta di svezzarli è ridicola ed i primi ridicoli sono i pediatri che consigliano ste cagate!

Il dibattito in Rete è aperto. Intanto mentre Belen Rodriguez pubblica altre foto con Santiago sui suoi profili social, sulla pagina Facebook della soubrette argentina sono usciti i primi scatti della nuova campagna eyewear di Cesare Paciotti. La testimonial è proprio la fidanzata di Stefano De Martino che indossa alcuni modelli da vista della linea Autunno/Inverno 2013-14.

Foto: Instagram.com, Questa voce è stata pubblicata in Notizie di Gossip e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>