Alfonso signorini e l’amore infedele

Alfonso Signorini parla dell’amore e della persona amata ma non nasconde di essere un inguaribile infedele. Contrario al matrimonio in ogni sua forma ed espressione, rivendica la libertà raggiunta attraverso tanti sacrifici

alfonso signorini

Molti vedono in Alfonso Signorini, il paladino dei buoni sentimenti, dell’amore incondizionato e della fedeltà, eppure dovranno ricredersi. Signorini, attraverso le pagine di Grazia, rivela disincantato, i limiti di un sentimento certamente fondamentale per la vita di ognuno, ma che non potrà mai rispecchiare ciò per cui tanto si lotta.

Il direttore di Chi, parla a ruota libera del rapporto che ha con l’amore, di come l’ intimità si costruisca giorno per giorno, attraverso sacrifici, litigi, con la consapevolezza di come col tempo, non si possa fare a meno della persona amata.
Eppure, la routine incombe, e quando la passione viene meno, ci si ritrova a dover fare una scelta di campo: restare fedele al proprio amore, oppure assecondare la passione; il che vuol dire tradire?

Signorini opta per la seconda. Parla del compagno, con il quale ha una relazione da dieci anni, come persona amabile, che merita ogni bene, ma di come ciò non sia sufficiente per mettere a tacere il richiamo di nuove emozioni, che Alfonso non può fare a meno di sentire.
Affronta anche l’argomento matrimonio definendosi contrario sia a quelli tra omosessuali sia a quelli tra etero, proprio in virtù di una libertà tanto anelata quanto raggiunta attraverso il sacrificio .

Lapidaria la sua frase, per chiudere il suo pensiero circa l’amore:

Alla fine io mi rispondo che l’amore non merita tanto sacrificio.

Foto: geishagourmet.com, Questa voce è stata pubblicata in Notizie di Gossip e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>